Il settore musicale ai tempi del Coronavirus

IL SETTORE MUSICALE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

E’ fuori di ogni dubbio che il settore musicale vada rivisto e non parlo dei “grandi artisti” (il virgolettato è voluto) che in questo momento vivono la quarantena nelle proprie lussuose residenze, ma di centinaia di migliaia di musicisti già ridotti alla fame da un settore in crisi che non gode di incentivi.

L’incentivo non ha niente a che fare con l’assistenzialismo, incentivo può essere anche un “non disincentivare” cosa che da tempo succede attraverso un sistema burocratico assurdo che fra permessi, tariffe Siae e contributi a percentuali usuraie, di fatto ostacola il settore e favorisce il sommerso.

Ma questo non basta, è ora che siano i musicisti a cambiare atteggiamento.  Non difendo il lavoro nero nella musica ma non accetto neanche il principio che chi non ha fatto almeno 30 date in regola nel 2019 sia uno sfigato e dovrebbe fare altro (in riferimento al contributo di 600 euro erogato a Marzo).

Questo perchè si dimentica sempre l’aspetto culturale della musica che è quello che fa la differenza fra l’Italia e gli altri paesi. In Italia è professionista solo chi vive di musica e Il concetto sarebbe  formalmente corretto ma la contraddizione è proprio nella definizione, perchè in questo modo vive di musica solo un pugno di super turnisti o chi suona liscio o nelle cover bands dell’artista famoso, magari mascherandosi come lui. E quindi la parola “Musica” assume un significato molto relativo.

Mentre è uno “sfigato” magari il Jazzista che ha studiato una vita e che suona nei pubs per delle paghe da fame, costretto a rinunciare a lavorare in regola per arrivare a fine mese e ad arrotondare con l’insegnamento privato che non sempre è una scelta ma spesso una necessità.

Quello che dovrebbe cambiare è innanzitutto questo senso di “presunta superiorità” che affligge la nostra categoria.

Tu che ti senti migliore  perchè lavori con partita IVA perchè  se lavori con una cooperativa non sei un vero professionista, tu che ti senti migliore perchè suoni Jazz o una musica colta e gli altri fanno solo robaccia, tu che ti senti migliore  perchè col  tuo gruppo di cover  fai 100 date in regola all’anno suonando la musica di altri e al diavolo il “nero” (ma gli mp3 dei brani da studiare li hai scaricati da youtube, mica li hai comprati).  Tu che suoni nei grossi tour e che ti senti migliore perchè pensi che coveristi e jazzisti e tutti gli altri siano degli sfigati.

Ma potremmo andare avanti all’infinito, basterebbe pensare alla marea di generi musicali che non trovano spazio (perchè un musicista Metal dovrebbe essere meno degno di un Jazzista o di uno che conosce a memoria tutti i pezzi di Vacscoligapezzalipausini? O perchè un bravo musicista che è costretto a fare un altro lavoro dovrebbe essere meno degno di uno che a volte neanche  sa suonare ma fa “spettacolo” con le sue 10.000 basi e i suoi bei costumi colorati ed effetti speciali?

Ecco, forse questo settore migliorerebbe se per un solo istante ognuno di voi si  fermasse un attimo e la smettesse di esprimere giudizi sugli altri sentendosi migliore. Se credi davvero di essere migliore questo articolo non fa per te ovviamente, ma sappi che le tue sicurezze di oggi domani potrebbero non essere tali. Se la quarantena non ti ha insegnato neanche questo, non credo che tu sarai in grado di capire il concetto di “solidarietà” fra musicisti che è quello che potrebbe fare la differenza.

Buona musica a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.